Questo contenuto è disponibile anche in

Subito a valle dalla piazza principale di Staffa s’imbocca Via Ludovico Jachettti, si attraversa un rio e subito si gira sinistra seguendo le indicazioni Lago delle Fate. La pista sterrata scende ad attraversare il Torrente Anza e prosegue in destra idrografica. Si ignora il bivio della strada sterrata che porta al Lago e si prosegue diritti fino al posteggio di Isella, in prossimità del ponte stradale che porta sulla provinciale. Si entra ad attraversare la frazione con il forno del pane e la chiesa di Santa Maria Addolorata e si prosegue nei prati ben curati a valle dell’abitato. Arrivati al limite del bosco si raggiunge un bivio segnalato: si continua diritti in leggera discesa fino a raggiungere l’argine del T. Anza, poi, seguendo le indicazioni (B00) si risale leggermente fino ad arrivare nel piazzale sterrato antistante la Miniera della Guia, antica miniera  d’oro attrezzata per le visite. Qui inizia una larga ma ripida mulattiera a gradoni che sale ripido con spettacolari scorci sul Rio Quarazza. La mulattiera prosegue fino ad un bacino dell’acqua, si prende a sinistra e raggiunge la strada sterrata proveniente da Isella che si segue fino al Lago delle Fate. Per il ritorno si consiglia di tornare indietro fino al bacino dell’acqua e da qui proseguire a mezzacosta fino a raggiungere l’abitato della Motta, un pugno di case in posizione panoramica con un bel forno del pane e l’oratorio dedicato a San Rocco. Attraversati i prati ben presto il sentiero diventa una bellissima mulattiera che scende verso Isella fino a raggiungere il bivio da cui si è passati all’andata. Si raggiunge Isella e percorrendo l’itinerario dell’andata si ritorna a Staffa.

 Note: Dalla diga, proseguendo per la comoda strada fra larici e abeti, si può raggiungere la località "Crocette", conosciuta anche come "Città Morta", con resti dell'antica lavorazione dell'oro (1460 m).
 

Ultimo aggiornamento: 06/03/2018 ore 16:42:46

Informazioni sul percorso

Località di partenza

Macugnaga fraz. Staffa

Indice itinerario

B00 + gta + B00c +B00

Dislivello in salita

200 m

Dislivello in discesa

200 m

Lunghezza

6,5 km

Tempo di percorrenza

2 h 00

Sentieri

B00 + gta + B00c +B00

Difficoltà

T (Facile)

Periodo consigliato

Aprile – Ottobre

Area

Valle Anzasca

Punti di interesse

Chiesa Vecchia di Macugnaga con il vecchio Tiglio, Parete est del Monte Rosa, Casa Museo Walser, Miniera d’oro della Guia, Lago delle Fate

Fermata BUS di riferimento

Linea Bus Domodossola - Macugnaga

Note

Dalla diga, proseguendo per la comoda strada fra larici e abeti, si può raggiungere la località "Crocette", conosciuta anche come "Città Morta", con resti dell'antica lavorazione dell'oro (1460 m). Punti di interesse: Chiesa Vecchia di Macugnaga con il vecchio Tiglio, Parete est del Monte Rosa, Casa Museo Walser, Miniera d’oro della Guia, Lago delle Fate.

© 2017 Ente di Gestione Aree Protette dell’Ossola | Privacy | Cookies  | Accessibilità | Credits

Questo sito utilizza cookie tecnici e cookie di terze parti, per migliorare il funzionamento del sito stesso.Cliccando su 'Accetto' acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di piu'...privacy policy.

  Io accetto i cookie di questo sito
EU Cookie Directive plugin by www.channeldigital.co.uk