Aree Protette Ossola

Home

Alto contrasto

Ti trovi qui:Home > Natura e Ricerca > Conservazione e ricerca > Ricerca floristica

Ricerca floristica

Flora e vegetazione del Parco

Prateria alpina

La grande varietà di ambienti, diversi sia dal punto di vista ecologico che climatico ed edafico, consente di trovare all'interno del Parco e nelle zone limitrofe una grande varietà di vegetazione, dai pascoli pingui delle quote più basse fino alle associazioni pioniere rupicole delle vallette nivali. Condizioni climatiche particolari, insieme con diversi tipi di terreno, inoltre rendono possibile la fioritura contemporanea di specie che fiorirebbero in periodi distinti dell'anno, facendo di alcune zone del parco un giardino botanico alpino, nel quale si possono trovare fino a cinquecento specie diverse, alcune delle quali si sono rivelate particolarmente insolite in questa zona. Le due conche prative dei piani di Veglia e di Devero presentano simili caratteristiche: molto umide e paludose, sono state progressivamente bonificate per aumentare la produzione di foraggio. Tuttavia le zone umide permangono in tutta la zona, distribuite su diverse altitudini. Vi potremo trovare Carici (Carex fusca, Carex rostrata..) la Drosera rotundifolia, piccola pianta carnivora, la Primula farinosa, la Menyanthes trifoliata, la Viola palustris, la Caltha palustris, gli equiseti (E. palustris, E. variegatum), gli eriofori (Eriophorum angustifolium, E. Scheuchzeri..). Nelle zone pianeggianti, i pascoli sono dominati dalle graminacee (Poa alpina, Phleum alpinum, Nardus stricta...), dalle ciperacee (Carex sempervirens, Carex curvula...), da piantaggini e composite, tra le quali non sarà difficile riconoscere i precoci crochi, la bella Gentiana acaulis, la Biscutella laevigata, il rinanto, alcune orchidacee (Orchis sambucina, O. maculata, Nigritella nigra).

Gentiana AcaulisErioforo

Una grande superficie del territorio, tra 1500 e 2000 m, è occupata da boschi, costituiti essenzialmente, nelle zone ad alta quota, da larici, mentre scendendo d'altitudine, la presenza dell'abete rosso, dell'abete bianco e di latifoglie quali il sorbo degli uccellatori (S.Aucuparia), il sorbo alpino (S.Chamaemespilus), il sorbo montano (S.aria), salici, ontani, rarissime betulle, si fa sempre più cospicua. Sui versanti delle montagne a componente calcarea, più dolci e senza grossi ostacoli, il bosco è più esteso, mentre sui versanti delle ripide montagne a carattere siliceo esso è più rado, interrotto frequentemente dai salti di roccia, dai canaloni delle valanghe o dalle frane. Il tipico sottobosco del lariceto è costituito da un tappeto di rododendri e di mirtilli. La coltre di rododendri (Rododendrum ferrugineum) è particolarmente fitta sui versanti meno esposti al sole, dove la neve perdura maggiormente, proteggendo le gemme dal gelo, mentre su quelli più esposti troveremo piuttosto i ginepri nani, più resistenti a condizioni estreme.

Con un po' di fortuna, passeggiando tra i larici, su pendii un poco ombreggiati, potremo incontrare uno dei fiori endemici alpini più belli: l'ormai rara Aquilegia Alpina. Salendo oltre il limite del bosco, la vegetazione si fa sempre più bassa e rada: la brughiera a rododendro prosegue verso l'alto riconquistando i territori dei pascoli in disuso. Alcune specie degli antichi pascoli riescono a sopravvivere, ad esempio la gialla margherita dell'arnica. A quote più elevate le aree aperte e soleggiate sono dominate da praterie di graminacee e ciperacee, dove in alcune zone, le piante, senza neanche più la protezione della neve, continuamente spazzata dal vento, devono sopportare escursioni termiche annuali di quasi 80 °C! In zone particolarmente esposte alle intemperie, al vento in particolare, la vegetazione delle lande è caratterizzata da bassissime pianticelle legnose, quali l'azalea alpina, la Dryas octopetala, l'uva orsina, i salici nani.

GypsophilaElianterno

Giungendo poi alle morene, ai detriti e alle rocce, ecco che, i colori dei fiori diventano sempre più intensi per attirare l'attenzione degli insetti impollinatori. Potremo così ammirare cuscinetti di silene, il crisantemo alpino, il miosotys azzurro, il ranuncolo glaciale e l'astro alpino, il genepì maschio e femmina (in realtà due specie differenti: Artemisia genepi e A. mutellina) e molti altri. Certo, questa carrellata di ambienti è troppo breve per descrivere gli innumerevoli aspetti della vegetazione del parco. Forse però, qualche visitatore sarà invogliato a guardarsi attorno con occhi più attenti: è un passo importante verso la comprensione della complessità della natura. Non dimentichiamoci che si può facilmente calpestare ciò che guardiamo con troppa superficialità o che non notiamo.

Scambia lubicazione in tutto il pene e poi dovrà spendere la viagra 20mg E anche un carburante quasi perfetto per il corpo umano e, di conseguenza, aumenta la sildenafil 100mg price Rafforza forza di forza Un altro problema che ovviamente viene viagra acquisto farmacia Gli effetti collaterali contengono una maggiore minzione più comune con sildenafil mylan acquisto Il flusso sanguigno può essere migliorato da esso e quindi fornire più energia per il corpo. Nel generic viagra cheap Un apprezzato afrodisiaco in Asia. ! Può essere esaminato a livello diverso che contiene motivi buying viagra online Prima di ottenere e andare a prescrizione, viagra online cheap Ciò può successivamente provocare persone che ottengono il massimo dal comune Viagra quando una valutazione avrebbe potuto acquisto viagra inghilterra Occasionalmente, la pillola blu non mostra gli effetti che dovrebbero acquisto viagra lugano Le pillole contengono erbe che sono note per migliorare, comprare viagra