Questo contenuto è disponibile anche in

Da Arvogno si scende nella valle seguendo la strada asfaltata e si attraversa il Melezzo sul ponte detto della “Rassia”.
Subito dopo il ponte si abbandona la carrozzabile per seguire sulla destra la vecchia mulattiera lastricata, che si alza con tornanti e pendenza regolare per raggiungere gli ampi pascoli dell’alpe Cortina. Si sale in alto, alla chiesetta di San Gerolamo, e si inizia la lunga traversata che alternando brevi salite e discese a tratti pianeggianti, percorre il versante rivolto a sud della Valle del Melezzo. In vista dell’alpe Sdun si trova il bivio che preso a sinistra conduce alla Bocchetta di Muino (1977 m). Da qui si scende a mezza costa e rapidamente si raggiungono i Laghi di Muino e l’Alpe di Ruggia da cui si risale alla Bocchetta di Ruggia (1990 m). si continua a mezza costa per lungo tratto fino a raggiungere la Cappella di San Pantaleone e quindi il Passo di Fontanalba (2026 m). proseguendo tra praterie di alta quota si supera un dosso raggiungendo il Lago di Panelatte, quindi con un ultima impennata si raggiunge la Forcola di Larecchio.
Ritornati alla Cappella di San Pantaleone per la stessa via di salita si prende a destra e si inizia a scendere verso l’Alpe i Motti, caratteristico per le due lunghissime stalle. Prosegue la discesa sul bella mulattiera lastricata entrando nel bosco fino a sbucare all'Alpe Villasco. Si prosegue ora a mezzacosta sempre su bella mulattiera raggiungendo l’Alpe Verzasco, quindi si prende la pista fino al largo ponte sul rio. Si segue per pochi minuti la strada fino ad incrociare il bivio per la bocchetta di Muino, si imbocca un tratto di mulattiera che taglia il tornante stradale e in breve si raggiunge il Ponte della Rassia e quindi con un ultima risalita lungo la strada asfaltata si torna ad Arvogno.

Note: La valle di Arvogno è forse la zona più conosciuta e frequentata della Vigezzo perché ne sintetizza tutte le bellezze ambientali: un piccolo mondo sapientemente modellato dalla fatica di generazioni di pastori e montanari. Il sentiero che scende da Alpe Ai Motti è una lunga scala contro il cielo, forse il sen­tiero più bello della valle.

Ultimo aggiornamento: 06/03/2018 ore 14:33:17

Informazioni sul percorso

Località di partenza

Arvogno (frazione di Toceno)

Indice itinerario

M21 + M23 + M25 (GTA) + M21

Dislivello in salita

1185 m

Dislivello in discesa

1185 m

Lunghezza

15,0 km

Tempo di percorrenza

6 h 30 min

Sentieri

M21 + M23 + M25 (GTA) + M21

Difficoltà

E (media difficile)

Periodo consigliato

Giugno - Ottobre

Area

Valle Vigezzo

Punti di interesse

Estesi boschi di conifere, sentieri agevolmente percorribili, piodate e pascoli ben curati, ampi spazi aperti e panorami unici.

Note

La valle di Arvogno è forse la zona più conosciuta e frequentata della Vigezzo perché ne sintetizza tutte le bellezze ambientali: un piccolo mondo sapientemente modellato dalla fatica di generazioni di pastori e montanari. Il sentiero che scende da Alpe Ai Motti è una lunga scala contro il cielo, forse il sen¬tiero più bello della valle.

© 2017 Ente di Gestione Aree Protette dell’Ossola | Privacy | Cookies  | Accessibilità | Credits

Questo sito utilizza cookie tecnici e cookie di terze parti, per migliorare il funzionamento del sito stesso.Cliccando su 'Accetto' acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di piu'...privacy policy.

  Io accetto i cookie di questo sito
EU Cookie Directive plugin by www.channeldigital.co.uk