Aree Protette Ossola

Home

Alto contrasto

You are here:Home > Parco naturale Alta Valle Antrona > Valle e Comuni > Architettura e paesaggio

Architettura e paesaggio

La Fauna

La fauna che popola la valle non differisce molto da quella del resto dell'Ossola.
Numerose sono le specie presenti, fra le più rappresentative è bene ricordare quattro ungulati caratteristici dell'arco alpino: capriolo, cervo, camoscio e stambecco.
il camoscio occupa stabilmente l'alta valle, dal passo di Antigine ai monti della Preia, ma è pure presente nei boschi di latifoglie della bassa valle. Il re delle altezze è invece lo stambecco, che vive tranquillamente al limitare del piano nivale non disdegnando di portarsi in cima alle montagne. Negli ultimi anni, con il crescere delle popolazioni, è diventato usuale avvistare gli stambecchi "incollati" ai muraglioni delle dighe e impegnati a leccare il salnitro contenuto nel cemento. Tra gli altri mammiferi non mancano la marmotta, la volpe, il tasso, il riccio e lo scoiattolo; dal manto candido in inverno e più o meno bruno in estate sono l'ermellino e la lepre variabile. L'avifauna è ben rappresentata dalla pernice bianca, dal fagiano di monte, dalla coturnice e per i rapaci dall'aquila reale, dalla poiana, dal gheppio e dallo sparviere; numerosi sono i passeriformi e immancabile il gracchio alpino.
Anfibi fra cui la rana temporaria, rettili (lucertola muraiola, colubri e viperidi), alcuni pesci d'acqua dolce e variopinti insetti completano il quadro faunistico. La specie più rilevante dal punto di vista conservazionistico è l'Erebia christi, un lepidottero diurno caratterizzato da un areale distributivo molto ristretto e compreso tra il passo del Sempione, l'alta Valle Antrona e l'Alpe Devero.

La Flora

In montagna numerosi aspetti quali clima (temperatura, copertura nevosa, sbalzi termici, vento), topografia (esposizione e pendenza dei versanti), fattori edafici (granulometria, pH, acqua, sali minerali, composizione dell'humus, natura geologica del terreno) e fattori biotici (intervento dell'uomo), interagiscono fra loro determinando le caratteristiche dell'ambiente a cui la flora alpina deve adattarsi sviluppando particolari caratteristiche morfologiche e funzionali. La valle Antrona rientra nel settore alpino occidentale (Alpi Pennine) e risente di un clima di tipo continentale. A partire dal piano basale si estendono a varie quote coltivi e prati artificiali cosiddetti perché creati dall'uomo per l'alimentazione del bestiame; fino ad arrivare alla prateria alpina, vero e proprio giardino naturale che nella breve fioritura estiva sfoggia i colori più belli. Anche il bosco misto di latifoglie inizia dal fondovalle: le essenze prevalenti sono il castagno e le querce che superati i 900 metri di quota lasciano il posto a faggete e peccete (boschi di abete rosso) prima e ai lariceti poi.
Lungo l'asse vallivo, l'alternarsi delle fasce vegetazionali segue l'elevarsi dell'altimetria e il progressivo inasprirsi della morfologia del territorio. Se allo sbocco abbiamo una tipica vegetazione pedemontana e montana con boschi misti di latifoglie (castagni, roveri, frassini, betulle, ontani e, più in alto, faggi), nell'alta valle prevalgono le conlfere (abete bianco, abete rosso e larice) che alle quote superiori sfumano nelle lande alpine. La tipologia forestale più tipica dell'alta valle Antrona è tuttavia il lariceto con sottobosco a prevalenza di mirtillo e rododendro. Il larice è l'unica conifera che perde gli aghi in inverno, forma di adattamento (come la corteccia molto spessa) al clima dell'alta montagna e ai suoi rigidi inverni. Il grande lariceto che dall'Alpe Lombraoro sale all'alpe Cingino è composto da alberi monumentali e costituisce uno dei boschi più belli delle Alpi Pennine. Altri bei lariceti si trovano nei dintorni di Cheggio e del bacino dei Cavalli e nella zona tra Antronapiana e del lago di Antrona dove alberi maestosi crescono tra i massi dell'antica frana che nel 1642 distrusse il villaggio.

Morfologia e geologia

La Valle Antrona si estende dalla cittadina di Villadossola al paese di Antronapiana incuneata fra le valli Anzasca e Bognanco. Il ghiacciaio prima e l'acqua poi, hanno modellato l'affascinante paesaggio della valle: da qui la gola profonda in cui scorrono le acque tumultuose dell'Ovesca, ma anche i dolci e verdi fianchi costellati di abitati. Morene, massi erratici, striature sulle nude rocce montonate sono altre tracce del lavoro di antichi ghiacciai oggi quasi completamente estinti. I laghi sia naturali (di circo, delimitati da depositi morenici) che artificiali (bacini per lo sfruttamento dell'energia idroelettrica) impreziosiscono la rustica bellezza del luogo. Per quanto concerne l'aspetto geologico, le rocce sono principalmente rappresentate da gneiss ed ofioliti, quest'ultime più note come "rocce verdi di antrona", gli gneiss possono presentarsi in bancate compatte con ripide pareti, creste irregolari e cime piramidali (ortogneiss: catena montuosa fra la Valle Anzasca e il Pizzo Andolla) oppure essere molto più fragili e scistosi (paragneiss: bassa Valle Antrona).

Oro e ferro in Valle Antrona

La valle Antrona è fra le vallate ossolane quella conosciuta come "valle del ferro "e alle sue miniere è legata la formazione, nel XIX secolo, del centro siderurgico di Villadossola. Le vene ferrose sono distribuite un po' ovunque nella valle, ma sono concentrate soprattutto sul monte di Ogaggia, tra Antrona e Brevettola. Su entrambi i versanti sono ancora oggi visibili i numerosi cunicoli scavati dai minatori per l'estrazione del minerale che, dopo una prima cernita, veniva trasportato a spalla ai forni e ai magli costruiti nei villaggi del fondovalle. Oltre al ferro, nelle viscere di queste montagne è presente l'oro. L'estrazione dell'oro in valle si sviluppò ad opera dei cosiddetti "minerali" che, in gruppo o singolarmente, iniziarono a sfruttare i filoni di Schieranco, di Cama, di Lombraoro e del vallone di Trivera. Alla fine dell'Ottocento intervenne invece il capitale straniero che, analogamente a quanto avvenne nella vicina Valle Anzasca, in Val Toppa e in Valle Antigorio, diede inizio all'estrazione su scala industriale. Subentrò quindi la società "Rumianca" che cessò la produzione nel 1945 segnando la fine della stagione dell'oro in valle. Degna di nota è la presenza di pegmatite all'alpe "i Mondei" di Montescheno e ancora rame, argento, mica e pietra ollare (la laugera).

Scambia lubicazione in tutto il pene e poi dovrà spendere la viagra 20mg Prima di ottenere e andare a prescrizione, è necessario conoscere anche un po riguardo viagra online cheap Il flusso sanguigno può essere migliorato da esso e quindi fornire più energia generic viagra cheap Rafforza forza di forza Un altro problema che ovviamente viene viagra acquisto farmacia Occasionalmente, la pillola blu non mostra gli acquisto viagra lugano Un apprezzato afrodisiaco in Asia. ! Può essere esaminato a livello diverso che contiene motivi e buying viagra online Dove acquistare Acai si può chiedere adesso. Corretto, il buying viagra Utilizzando laumento ineguagliato del mondo e lutilizzo di posta elettronica viagra naturale acquisto Ciò può successivamente provocare persone che ottengono il massimo dal comune Viagra quando una valutazione avrebbe potuto acquisto viagra inghilterra Beh, è ​​assolutamente un fatto che simili ad un altro farmaco di disfunzione erettile Viagra acquista viagra

Newsletter

Tieniti aggiornato sulle notizie del parco
PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI REGOLAMENTO UE 2016/679 (GDPR) INFORMATIVA SUL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI

Ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE n. 2016/679 relativo alla protezione delle persone fisiche con riguardo al Trattamento dei Dati Personali, nonché alla libera circolazione di tali dati informiamo i visitatori del nostro Portale istituzionale che a seguito della raccolta dei dati personali attraverso la compilazione del form presente in questa pagina, assumeranno la qualità di soggetto Interessato dal trattamento dei dati personali.

Chi tratta i miei dati?

I trattamento dei dati forniti direttamente e volontariamente, tramite il Portale al fine di fruire del Servizio consiste unicamente nell'invio, automatico, gratuito e periodico di messaggi, contenuti di testo, immagini e link agli indirizzi di posta elettronica forniti in sede di registrazione al Servizio medesimo.

La base giuridica di tale trattamento è da rinvenirsi nei compiti istituzionali del Titolare, mentre la finalità più specifica è quella di favorire la conoscenza delle iniziative ed attività in materia culturale, sociale, ricreativo, sportivo, ambientale e turistico che coinvolgono il territorio di riferimento.

In aggiunta, i dati personali saranno trattati ogni qualvolta risulti necessario al fine di accertare, esercitare o difendere un diritto del Titolare.

Il trattamento dei dati personali sarà pertanto effettuato con l’utilizzo di procedure automatizzate nei modi e nei limiti necessari per perseguire le predette finalità garantendo la sicurezza e la riservatezza dei dati stessi. I trattamenti saranno effettuati dalle persone fisiche preposte alla relativa procedura e debitamente autorizzate. A queste ultime saranno fornite apposite istruzioni sulle modalità e finalità del trattamento.

Cosa si intende per dato personale e quali miei dati vengono trattati?

“Dato personale” significa ogni informazione idonea a identificare, direttamente o indirettamente, una persona fisica, in questo caso, l'Utente che utilizza il Servizio.

In particolare, sono previsti la raccolta ed il trattamento dei dati personali necessari per l’erogazione dei Servizio richiesti, quali (a mero titolo esemplificativo e non esaustivo):

  • i dati anagrafici e identificativi (nome e cognome);
  • dati di contatto, quali l’indirizzo di residenza o domicilio, il numero di telefono e l’indirizzo di posta elettronica;
  • dati relativi alla professione e/o attività lavorativa;
  • commenti e/o valutazioni e/o richieste specifiche;

Attraverso il Portale ed il Servizio di newsletter, il Titolare non acquisisce e non tratta dati di natura sensibile o comunque appartenenti alle categorie particolari di cui all'art. 9 del GDPR o dati relativi a condanne penali o reati.

Ho l'obbligo di fornire i dati?

Le newsletter sono disponibili gratuitamente a chiunque ne faccia richiesta e, rientrando nelle finalità di comunicazione istituzionale dell'Ente, non richiedono ulteriore consenso esplicito. Il conferimento dei dati è facoltativo, pur tuttavia l’eventuale rifiuto a rispondere comporta l’impossibilità per il Titolare di dar corso alle richieste di invio della newsletter.

Per quanto sono trattati i miei dati?

I dati saranno conservati esclusivamente per il periodo in cui il Servizio di newsletter sarà attivo. Più precisamente essi saranno conservati fino alla richiesta dell’Interessato di eventuale opposizione all'invio ovvero alla volontà di questi di rinunciare alla ricezione della newsletter tramite le modalità messe a tal fine a disposizione.

All'interessato è comunque riservato il diritto di chiedere in qualsiasi momento la cancellazione dal Servizio.

A chi vengono inviati i miei dati?

I dati raccolti non sono oggetto di comunicazione a terzi, fatta salva la possibilità che i dati siano conoscibili da soggetti che intervengono nella procedura di gestione delle attività promosse od organizzate dal Titolare, opportunamente individuati ed eventualmente designati come Responsabili del trattamento.

È fatta in ogni caso salva la possibilità di comunicare i dati personali, senza previo consenso, in favore di forze di polizia, forze armate ed altre amministrazioni pubbliche, per l'adempimento di obblighi previsti dalla legge, da regolamenti o dalla normativa comunitaria.

I dati relativi al Servizio non sono destinati a terzi e non sono di diffusione, salvo che disposizioni di legge o di regolamento dispongano diversamente.

Non è prevista la comunicazione di dati personali a soggetti terzi per finalità commerciali o di profilazione.

Quali sono i miei diritti?

In base all'art. 15 e seguenti del Regolamento UE gli interessati (persone fisiche a cui si riferiscono i dati), possono esercitare in qualsiasi momento i propri diritti ed in particolare il diritto di accedere ai propri dati personali, di chiederne la rettifica o la limitazione, l’aggiornamento se incompleti o erronei e la cancellazione se raccolti in violazione di legge, nonché di opporsi al loro trattamento fatta salva l’esistenza di motivi legittimi da parte del Titolare.

A tal fine è possibile rivolgersi al Titolare, oppure al Responsabile della protezione dei dati.

Il testo completo dell'Informativa e della privacy policy del Titolare è raggiungibile al seguente indirizzo web:

http://www.areeprotetteossola.it/it/privacy

A chi mi posso rivolgere?

Gli interessati che ritengono che il trattamento dei dati personali a loro riferiti, effettuato attraverso questo servizio, avvenga in violazione di quanto previsto dal Regolamento, hanno il diritto di proporre reclamo al Garante, come previsto dall'art. 77 del Regolamento stesso, o di adire le opportune sedi giudiziarie (art. 79 del Regolamento).

CANCELLAZIONE DEL SERVIZIO

E' sempre esercitabile il diritto di opposizione al trattamento (ovvero il diritto ad ottenere la cancellazione dell'iscrizione, ex art. 21 del Regolamento);

Per non ricevere più la newsletter, inserire il proprio indirizzo e-mail nel form presente in questa pagina e cliccare sul pulsante "Cancella iscrizione".

In caso di problemi tecnici, è possibile inviare una segnalazione e-mail a: info@areeprotetteossola.it

Parco Shop